Come chiedere il permesso ad inviare e-mail?

L’insieme delle tecniche che si possono attivare per richiedere il permesso per inviare newsletter rientrano in una casistica di marketing chiamata “permission marketing” ed introdotta per la prima volta da Seth Godin circa 15 anni fa.
In generale questa tecnica ha un’applicazione maggiore nel marketing B2B (Business To Business)
Dobbiamo distinguere i seguenti casi:


Liste acquistate con mail box aziendali nominative o mail box private su domini liberi

In generale le liste acquistate non forniscono nominativi personali (aziendali o meno). Se sono fornite mail box personali il prezzo potrebbe essere anche 10 volte di più del prezzo in cui mancano le e-mail o sono di tipo istituzionale. Quando si acquistano le liste è necessario sapere quale tipo di consenso hanno ottenuto da ogni singola mail box. Se il consenso è limitato a un certo prodotto o a una certa azienda allora è necessario attivare una procedura di permission marketing fra quelle indicate più in basso. Se il consenso è di tipo illimitato, significa che chi ha ottenuto il consenso può inviare messaggi promozionali di ogni tipo e anche emessi da altre aziende. I questo caso non è necessario attivare permission marketing e va considerato il consenso Option IN secondo la logica “Double Click Option”.

Liste acquistate con mail box istituzionali

Le mail box istituzionali sono del tipo Info@ToYou.com oppure ToYou@ToYou.com oppure azienda@ToYou.com Per queste mail box non è necessario nessun tipo di cautela per inviare messaggi promozionali.

Liste acquistate con mail box di ruolo e di dipartimento

Le mail box di ruolo e di dipertimento sono del tipo Info@ToYou.com oppure ToYou@ToYou.com oppure azienda@ToYou.com Per queste mail box non è necessario nessun tipo di cautela per inviare messaggi promozionali.

Liste acquistate con mail box pec (posta elettronica certificata)

Le mail box PEC sono da considerarsi istituzionali e come tali non richiedono alcun tipo di precauzione e di rischio dal punto di vista legale. Per queste mail box non è necessario nessun tipo di cautela per inviare messaggi promozionali. Tuttavia depone molto male e innervosisce molto ricevere newsletter commerciali su una mail box riservata a comunicazioni

Nominativi di cui si conosce il telefono ed il nome ma non la mail box

Questo tipo di nominativi sono inutilizzabili per una campagna di mail marketing perché non si dispone ovviamente della mail box. In questo caso è necessario reperire la mail box e ottenere il consenso. Tramite telefono – se non sono molte e se ha senso da un punto di visto di ROI (Ritorno dell’investimento) il telefono è il metodo a più alto successo (in percentuale). Le nostre statistiche, ottenute da un operatore telefonico skillato, ci forniscono oltre il 50% di redemption. Ovvero su 100 ditte contattate si ottengono 50 mail box con il consenso a ricevere messaggi promozionali. Altre tecniche riguardano la ricerca dell’azienda tramite il sito web e tramite i motori di ricerca, tramite i social, tramite Pagine Gialle e simili, tramite match su liste acquistate, tramite associazioni di categoria etc.

Nominativi che hanno acceduto sul sito web (da social, dai motori, direttamente) e si sono registrati

Questo sistema è quello a più alto contenuto tecnologico che tuttavia produce la più alta redemption con un costo per consenso fra i più competitivi. In pratica è necessario studiare la struttura del sito, la creazione di risorse (contenuti solidi ed esaustivi) ad alto valore aggiunto che il visitatore potrà scaricarsi previo rilascio dei propri dati e del proprio consenso. Rientrano in questa categoria l’accesso a giochi, sottoscrizione a servizi per lo più gratuiti o fortemente scontati, a lotterie etc. la cui fruizione è vincolata al rilascio dei propri dati e del relativo consenso sulla privacy

Nominativi che hanno preso contatto tramite chat online presente sul sito web

E’ necessario progettare il sito in modo che incuriosisca al punto tale che chi entra per soddisfare la propria curiosità, senta il bisogno di parlare/chattare con qualcuno per sottoporre alcune domande. Durante la conversazione sarà possibile profilare il cliente ed ottenere la mailbox e il consenso alla privacy

Metodo di Permission marketing tramite e-mail

Questo metodo è il più conveniente ed economico ma purtroppo e quello che produce i più bassi risultati positivi. Le percentuali potrebbero essere di qualche unità per migliaia di e-mail spedite. Tuttavia se il programma di mail marketing è abbastanza sofisticato si possono personalizzare le e-mail per aumentare la probabilità di successo. Sono necessarie alcune caratteristiche del programma di mail marketng:
  • deve essere possibile aggiungere campi personalizzati a piacimento (attributi)
  • In particolare è necessario assegnare un attributo, sul tipo di mail box.
Il nostro metodo classifica le mail box in 6 categorie
  • Mail box aziendali personali
  • Mail box private
  • Mail box istituzionali
  • Mail box PEC
  • Mail box di reparto
  • Mail box di ruolo

Il sistema di mail marketing deve poter cambiare la salutation iniziale in base al tipo di mail box: ad esempio evitare che vi siano frasi iniziali del tipo “gentile signorina” quando la mail box è di tipo info@toYou.com.

Il sistema deve poter creare liste dinamiche per creare liste con mail box omogenee (tutte di tipo istituzionali o tutte di tipo dipartimentale) e quindi adattare il messaggio e le immagini a tipo di messaggio. Quindi un approccio più serio con un certo “uplomb” per le mail box di ruolo mentre più familiare per le mail box private su domini liberi.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn