Perché usare la Web Intelligence?

I lead e i contatti residenti nel CRM contengono solo pochi anagrafici (ad esempio per un lead meno di 15 informazioni anagrafiche, per un contact meno di 20 informazioni anagrafiche) e sono praticamente assenti i dati comportamentali, mentre sono molto circostanziate le informazioni relative alla storia di tutte le trattative concluse ed in corso. Di queste trattative sono presenti informazioni circostanziate con le date, i documenti scambiati, gli incontri, le offerte e gli interventi di customer care con relativi preventivi e offerte.

Queste informazioni mancano in un programma di mail marketing mentre ce ne sono tante altre che mancano nel CRM. Ad esempio nella piattaforma di mail marketing sono conservati tutti le informazioni relative alle reazioni (call to action) del target a seguito della ricezione di ogni singola campagna DEM e di ogni singolo messaggio all’interno di una campagna DEM.

Tuttavia usualmente le informazioni relative al comportamento del target a seguito della ricezione di un messaggio si fermano nel momento in cui il target diventa un visitatore del sito web.

Le informazioni relative al suo customer journey sono all’interno di un altro sistema (usualmente chiamato web analytics) che conserva i dati di tutti i visitatori del sito indipendentemente da dove essi provengono e cosa hanno fatto per arrivare al sito web.

Talvolta, infatti, i dati relativi alla modalità con cui i visitatori sono atterrati al sito web non è facile da scoprire. Potrebbe essere un URL conservato fra i preferiti, digitato estemporaneamente, potrebbe essere un link da un QR Code, potrebbe essere un link dai social, un back link all’interno di campagne di affiliazioni e scambio banner, da un riferimento all’interno di un blog o di un forum, da campagne Adword e affiliazioni, da pubblicità online, dai motori di ricerca etc.

La conoscenza di queste informazioni sarebbe fondamentale per progettare delle campagne mirate solo su cluster omogeni di visitatori perché le loro caratteristiche comuni consentono di arrivare con il messaggio giusto per essere molto apprezzato da loro.

Queste informazioni sono utili per migliorare le caratteristiche e il profilo della buyer persona. Ovvero della conoscenza del profilo ottimale interessato al nostro prodotto.

In molti casi i programmi di mail marketing non considerano il profilo di una persona (buyer persona) che sarà il profilo ideale verso cui pianificare una specifica campagna DEM (Direct Mail Marketing)

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn